Magazine: News e curiosità dal mondo del Juicing e Detox

Cellulite? Ecco la Verità.

Di cosa si tratta?

La cellulite, per quanto possa suonare schifoso, è grasso sottocutaneo (il che significa: al di sotto della pelle), che spinge contro la pelle creando l'aspetto grumoso. È presente e visibile per la maggior parte nelle zone del nostro corpo che hanno naturalmente gli strati più spessi di grasso sottocutaneo - le cosce e il didietro - e che guarda caso sono anche le zone del nostro corpo che ricevono minor flusso sanguigno e attività grazie ai tipici lavori da ufficio sedentari.

Ma non si tratta solo di grasso. Gli ormoni, così come la struttura la composizione della pelle stessa, giocano un ruolo nella comparsa della cellulite. Guarda le prossime diapositive per ulteriori spiegazioni.

Correlata: Rituali Mattutini per Sbarazzarsi della Cellulite

Chi ne è Soggetto?

La cellulite è una maledizione a grande maggioranza femminile poiché il tessuto connettivo della pelle nei due sessi è fondamentalmente differente. Le donne hanno collegamenti in minor numero e dall'orientamento verticale che connettono la pelle attraverso il grasso agli strati fibrosi sottostanti e ai muscoli, rispetto agli uomini.

Negli uomini, le fibre sono incrociate proprio come una rete metallica. Questa struttura a rete metallica è più forte e le cellule grasse vengono trattenute meglio poiché la materia viene dispersa fra le varie maglie. Tuttavia nelle donne, il grasso si accumula e viene spinto in superficie tra le più sparute barre verticali. In altre parole: c'è meno "rete" per contenere le cellule lipidiche, quindi riusciamo a vedere il grasso dall'aspetto irregolare che sporge sotto la superficie della pelle.

La cellulite può verificarsi negli individui sia con un peso normale che sovrappeso, ma che sesso femminile, genetica e obesità sono fattori primari di predisposizione associati alla comparsa della cellulite.

Dal punto di vista ormonale, gli estrogeni rappresentano una lama a doppio taglio. Gli estrogeni nelle donne in realtà aumentano il grasso e fanno sì che le cellule lipidiche già esistenti crescano di dimensione, cosa che naturalmente peggiora l'aspetto della cellulite. Ma la diminuzione dei livelli di estrogeni nelle donne influisce sulla funzionalità vascolare, il che significa minor circolazione sanguigna e una conseguente diminuzione della produzione di collagene, cosa che dà come risultato un aspetto a bozzi ancora più pronunciato del grasso sottocutaneo. Dato che i livelli di estrogeni nelle donne tendono a diminuire verso i 25 anni, continuando fino ad arrivare alla menopausa, ecco perché le donne iniziano a vedere comparire la cellulite superati i vent'anni.

Cosa può funzionare?

La verità è che vincere la cellulite significa più che altro migliorarne l'aspetto (o prevenirla in primo luogo) rispetto a sradicarla realmente. Non si può, infatti, bandirne l'esistenza completamente poiché tutti noi abbiamo delle cellule lipidiche nei nostri corpi e la struttura delle fibre di collagene femminili non sarà mai forte quanto la struttura a rete metallica capace di trattenere le cellule grasse presente negli uomini. Ecco perché anche le donne magre hanno la cellulite.

Correlata: Combattere la cellulite in vacanza?

Ma se ne può migliorare l'aspetto con certi trattamenti. La cellulite può essere temporaneamente migliorata con trattamenti combinatori che includono trattamenti a vuoto e a rullo con radiofrequenze. Una riduzione o miglioramento più permanente dell'aspetto può essere ottenuta grazie ai trattamenti laser come CelluSmooth o CelluLaze. Nessuno dei trattamenti elimina completamente il problema ma può aiutare.

La maggior parte delle creme e delle lozioni topiche che affermano di poter combattere la cellulite funzionano. I prodotti di libera vendita e i massaggi possono migliorare l'aspetto in maniera temporanea, ma sono necessari trattamenti continui per mantenere i risultati.

Si può inoltre prevenire la cellulite mantenendo un peso forma sano e facendo attività fisica regolare: Mantenere un peso forma sano tramite dieta ed esercizio rappresenta il modo migliore per ridurre il rischio che si formi o che peggiori la cellulite, ma queste pratiche non possono superare completamente una predisposizione genetica. Esiste una predisposizione genetica ed anatomica alla cellulite che può verificarsi anche seguendo una dieta e un regime di allenamento in maniera religiosa.

Tuttavia, aumentare la massa muscolare e tonificare il corpo può aiutare a ridurre l'aspetto della cellulite poiché a differenza del grasso, il tessuto muscolare è liscio e sodo (se confrontato al grasso grumoso) e fa quindi apparire la pelle più tirata.

Inoltre la cellulite è meno visibile sulla pelle più scura, quindi una abbronzatura spray o un autoabbronzante potrà ridurre l'aspetto delle fossette mentre lavorate su regime alimentare e fitness.

Mangiare bene e mettere su muscoli in grado di bruciare i grassi rappresenta semplicemente l'arma migliore per prevenire la cellulite, da un punto di vista non invasivo per lo stile di vita.