Magazine: News e curiosità dal mondo del Juicing e Detox

13 modi per migliorare la digestione

 

Il problema più comune che vedo e che impedisce alle persone di ottenere una salute ottimale è un sistema digestivo problematico. Questo succede per diversi motivi - a partire da un uso eccessivo di antibiotici fino a stress, alcol in eccesso e infezione. La maggior parte della gente non comprende nemmeno che il proprio sistema digestivo non funziona adeguatamente. Se provate uno dei sintomi seguenti potreste soffrire di gestione sub-ottimale: bruciore di stomaco, gonfiore, eruttazione, mal di testa, intorpidimento post-pasto, senso di sazietà ma avendo ancora fame, voglie, costipazione, diarrea. Ci sono molti altri indicatori, ma quello che dovete sapere è che se il vostro sistema digestivo non funziona adeguatamente non sarete in grado di disgregare, assorbire e assimilare i nutrienti che mangiate. Questo significa che spendete energia per mangiare ma non riuscite a nutrirvi e a ripristinare l’energia del corpo con i nutrienti necessari per consentire al corpo di funzionare a livello ottimale. Qui sotto forniamo 13 consigli per aiutare ad ottimizzare la digestione (senza un ordine preciso).

  1. Evitate cibi che irritano il sistema digestivo - Glutine, latticini, mais, soia, noci, uova, cioccolato, agrumi. Sono i colpevoli più comuni, potreste essere in grado o meno di tollerare questi cibi. Pensare a come vi sentite dopo che mangiate questi cibi può essere particolarmente utile. Se provate gonfiore, annebbiamento, problemi di pelle ecc, dovreste considerare di evitarli. Cercate di eliminarli uno alla volta per determinare quale che influisce sulla vostra salute.
  2. Mangiare vero cibo di alta qualità - Questo è ciò che il nostro corpo è stato progettato per consumare. Carne da allevamento all’aperto, pollame allevato a terra, pesce selvatico, frutta e verdura biologica, noci, semi e grassi sani adeguati dovrebbero costituire la parte principale della vostra dieta.
  3. Integratori - il singolo rimedio più efficace per migliorare la digestione è quello di integrare enzimi digestivi e/o acido idrocloridrico. Entrambi sono critici per disgregare il cibo in un formato che possa essere facilmente assorbito. Questo è un rimedio solo temporaneo quindi dovrete seguire gli altri consigli per assicurarvi di “aggiustare” il vostro sistema digestivo.
  4. Probiotici/Cibi Fermentati - Consumate integratori probiotici e/o cibi fermentati. Cibi fermentati come kefir, crauti e kimchi contengono batteri, che aiutano ad equilibrare e a nutrire il vostro sistema digestivo. Fate attenzione, dovreste consumarli in piccole quantità almeno all’inizio poiché sono molto potenti.
  5. Iniziate ogni pasto con qualcosa di amaro - I cibi amari comunicano al vostro corpo che è tempo di iniziare a produrre i succhi gastrici. Verdure verdi amare come tarassaco, rucola, bitter svedesi (non alcolici) o un sorso di aceto di sidro di mele dovrebbero fare al caso vostro.
  6. Evitate di bere liquidi in eccesso durante il pasto - Così facendo diluite i succhi gastrici prodotti con tanta fatica dal vostro corpo. Non bevete nulla fino ad un’ora dopo il pasto. Potete sorseggiare un po’ d’acqua per assumere un integratore ma non di più.
  7. Masticate il cibo finché non risulta liquido - La prima fase della digestione consiste nel selezionare i cibi giusti, la seconda fase sta nel masticare adeguatamente il cibo. Questo può essere impegnativo per la maggior parte delle persone. Io ero uno di quelle persone che mangiano velocemente al tavolo, ma adesso sono il più lento. All’inizio può aiutare contare la masticazione, mirate a 20 masticazioni per ogni boccone.
  8. Praticate un’alimentazione consapevole - Pensate all’odore, al sapore e alla struttura del vostro cibo. Quando possibile, cucinate il vostro cibo dato che questo aiuta a stimolare naturalmente il processo. Se volete davvero prendere la cosa sul serio potete cacciare, catturare, coltivare e raccogliere il vostro cibo.
  9. Mangiate una miscela di cibi cotti e crudi - Il cibo crudo è fantastico ma lo è anche quello cotto. Alcuni cibi sono infatti più facili da digerire da cotti, quindi mescolate le cose.
  10. Lenitivi - Quanto segue potrà aiutarvi a lenire, nutrire e ripristinare il rivestimento del tratto digestivo. Zenzero fresco, glutamine, brodo di midollo, corteccia liscia di olmo, succo di cavolo, radice di marshmallow, liquerizia DGL.
  11. Fegato - Supportate il vostro fegato. Il vostro fegato svolge moltissime funzioni all’interno del corpo, una di queste è produrre la bile. La bile aiuta a disgregare il grasso, che di rimando aiuta ad assorbire le vitamine solubili in grasso (A, D. E, K). Se non avete abbastanza bile la digestione ne soffrirà e voi molto spesso vi sentirete intorpiditi dopo un pasto che include dei grassi. I cibi che aiutano il fegato sono barbabietole, verdura verde, carciofi, tarassaco, proteine di alta qualità e i buoni vecchi tagli di organi come appunto il fegato.
  12. Equilibrate il plesso solare - Se praticate lo yoga, la meditazione o avete familiarità con la medicina ayurvedica, conoscerete il plesso solare o terzo chakra. Questa regione del corpo è situata dove la gente tipicamente indica il proprio stomaco, dall’ombelico su fino al petto. Stimolando il terzo chakra tramite lo yoga, il Qigong e la meditazione potete aiutare a supportare una digestione ottimale.
  13. Escludete le infezioni - Se avete ripulito la vostra dieta e seguite i consigli sopra per 30-60 giorni e tuttavia non vedete miglioramenti, potreste avere a che fare con uno squilibrio micotico, parassitico o batterico di altro tipo che ha bisogno di un protocollo più focalizzato per essere risolto. Consultate un professionista della salute per maggiori dettagli.

CONSIGLIO - Contrariamente a quanto pensano molti, i bruciori di stomaco sono spesso il risultato di succhi gastrici insufficienti. Una cura rapida per i bruciori di stomaco può essere un sorso di aceto di sidro di mele. Per risolvere permanentemente il problema la cosa migliore è seguire i consigli di cui sopra, specialmente per quanto riguarda l’integrazione di acido idrocloridrico.