29 Nov 2020

Marzia Nicolini

Il boom dei selfie - per lo più editati e ritoccati - su Instagram ha portato un aumento esponenziale delle richieste di filler e tossina botulinica negli studi di medicina estetica. Senza voler per forza demonizzare chi sceglie questa strategia anti age, perché non dare una chance a una metodica cento per cento naturale, indolore e, soprattutto, lungimirante?

Parliamo di face yoga, o yoga facciale.

L'idea alla base di questa disciplina, sposata da star come Gwyneth Paltrow e da facialist e beauty guru in giro per il mondo, è più o meno questa: esattamente come teniamo in forma i muscoli del nostro corpo allenandoci a cadenza regolare, così dovremmo fare con la muscolatura facciale, imparando gli esercizi capaci di lifitare l'ovale e regalare al viso un aspetto disteso e liftato.

A introdurci all'affascinante mondo del face yoga è, direttamente da Parigi, Sylvie Lefranc, esperta in materia e autrice del libro "Yoga du Visage".
"Si tratta di una disciplina relativamente recente", racconta l'esperta. "Personalmente, ne ho sentito parlare per la prima volta una decina d'anni fa, quando mi è capitato di leggere il meraviglioso manuale "Awakening Beauty" della terapeuta olistica Susan West Kertz. Mi sono appassionata e ho deciso di approfondire il tema del face yoga, fino a scrivere un libro e dedicarvi dei corsi di insegnamento". Per chi non conoscesse il face yoga, "si tratta di un approccio che lavora sinergicamente su più livelli. In primis, attraverso sequenze di movimenti e automassaggio facciale, per risvegliare i muscoli dormienti, rilassare quelli in tensione e ottenere un effetto distensivo del viso. In parallelo, il face yoga prevede una skin routine votata al naturale, l'uso di integratori specifici e la stimolazione dei punti energetici, per lasciar fluire l'energia nei meridiani, secondo l'insegnamento delle antiche discipline orientali. Fondamentale il rilascio dei blocchi emotivi attraverso le pratiche di respirazione: le emozioni negative, del passato e del presente, segnano il volto e vanno quindi affrontate e sciolte con consapevolezza e amore".

I pilastri del metodo face yoga

Se volete apprendere le basi del metodo face yoga, seguite i consigli di Sylvie Lefranc: "il primo, importante rituale viso riguarda il drenaggio linfatico, che potete ottenere con i movimenti delle mani o utilizzando il Gua Sha al quarzo rosa. In entrambi i casi, si va a riequilibrare la pelle, rilassare il sistema nervoso e donare massima luminosità all'incarnato". Mai sentito parlare di digitopressione? "Mantenendo le dita premute su alcuni punti chiave, ad esempio agli angoli delle narici, si levigano le rughe, si favorisce la corretta respirazione e si permette di ossigenare i tessuti, a favore di un aspetto cutaneo fresco e salutare.
Divertitevi a schioccare sonori baci: questo gesto, ripetuto ogni giorno, previene il rischio del doppio mento e aiuta a rimpolpare le labbra. Non dimenticate di fare un detox della vostra trousse beauty: via i cosmetici appesantiti da siliconi e sostanze chimiche intossicanti e infiammatorie, sì a prodotti skincare biologici, puliti, verdi e naturali. Noterete presto la differenza.

Last but not least, ricordare che assumere regolarmente prebiotici e probiotici serve a nutrire il microbiota intestinale e, di conseguenza, mantenere in perfetto equilibrio il microbiota cutaneo".

Che risultati aspettarsi dal metodo face yoga

Come avete visto, non si tratta solo di incorporare alcune gestualità nella propria routine beauty, ma anche e soprattutto di rivedere le scelte di prodotti e aiutare la pelle con integratori e prodotti naturali ad hoc, secondo l'approccio "inside out" che oggi è diventato di tendenza (bene così!). Come sottolinea Sylvie Lefranc, "il face yoga dona un effetto meraviglioso, aiutando concretamente a prevenire e correggere i fisiologici segni dell'invecchiamento. Mantenendovi costanti, otterrete in breve tempo un colorito sano alla Heidi, scongiurando il rischio di gonfiori, borse sotto gli occhi, impurità. Il vero obiettivo del metodo face yoga è quello di mantenere l'equilibrio cutaneo. Con gentilezza".

Ti piacerà anche